Orto Anidan Project

Lamu è un’isola situata a nord della costa del Kenya dove vivono circa 22.000 persone. Parlare di Lamu è parlare dell’Africa, un mondo dimenticato che sperimenta un peggioramento costante delle sue condizioni di vita a causa dell’Aids, della povertà, della scarsità di acqua potabile, dei conflitti etnici e delle guerre che lo devastano. Flagellata da una siccità che dura da anni, l’isola soffre della stessa carestia che nel Corno d’Africa subiscono milioni di persone.

L’instabilità politica, le incursioni da parte dei pirati somali e l’arrivo dei rifugiati somali delle tribù Boni, Orma, Pokimo, Borama, Giriama e Bajun che fuggono dalla violenza delle guerre e dalla carestia, hanno causato una drastica riduzione del turismo contribuendo all’incremento della crisi e dell’indisponibilità di cibo e lavoro.

L’organizzazione (Anidan) presente sul territorio dal 2002, ha creato un orfanotrofio dove risiedono circa 120 bambini, una casa d’accoglienza che ne accudisce più di 150 e un ospedale pediatrico che assiste circa 10000 piccoli pazienti all’anno.

Nel comprensorio di Anidan da febbraio di quest’anno è stato creato un orto sostenibile completamente naturale che coprirà parte del fabbisogno giornaliero di ortaggi basici (cipolle, patate, legumi, verdura e frutta locale). Il progetto tuttavia non è completo in quanto è necessaria  la costruzione di un pozzo, l’acquisto di una nuova cisterna e di una pompa d’acqua a pannelli solari, per renderlo autonomo dal comprensorio già carente di risorse idriche.

Dona per sostenere questo progetto

Utilizziamo i cookie per assicurarti la migliore esperienza sul nostro sito web. Clicca su Accetto per non visualizzare più questo avviso.